AUSTRIA:

una business location vantaggiosa

 

 INVESTIRE IN AUSTRIA

 

L’Austria è una business location davvero vantaggiosa: know-how e qualità ai massimi livelli, tecnologie all’insegna dell’eccellenza, infrastrutture ultramoderne, la vicinanza all’Europa orientale e sud-orientale.

 

Quali sono le condizioni generali?

 

  • L’Austria è al quarto posto in UE per ricchezza;

 

  • I consumatori austriaci hanno un potere d’acquisto superiore alla media;

 

  • Le infrastrutture sono altamente sviluppate;

 

  • L’amministrazione è efficiente.

 

Quanto è sicuro il Paese?

 

  • Stabilità politica e sociale;

 

  • Buon rapporto tra imprese e lavoratori;

 

  • Bassi tassi di sciopero;

 

  • Elevata sicurezza personale;

 

  • Sicurezza negli approvvigionamenti.

 

Quali sono i vantaggi fiscali?

 

  • Bassa pressione fiscale sulle imprese;

 

  • Allettanti regimi fiscali di gruppo;

 

  • Il diritto tributario austriaco consente di ridurre ulteriormente il carico fiscale;

 

  • Nessuna tassa patrimoniale e sull’industria.

 

 

In che lingua è possibile comunicare?

 

La lingua ufficiale dell'Austria è il tedesco, ma gli austriaci hanno un'ottima conoscenza delle lingue straniere. La grande maggioranza della popolazione austriaca parla l'inglese, ma è molto diffusa anche una buona conoscenza delle lingue est-europee.

 

ESPORTAZIONE IN AUSTRIA

 

Quali sono le esigenze dei clienti?

 

I clienti sono particolarmente esigenti. Quindi, la qualità, l’immagine, il prezzo e la presentazione del prodotto sono sottoposti a severi controlli.

 

Il cliente si aspetta riforniture puntuali, fedeli ai campionari, sostituzioni ricambi e assistenza clienti ottimali.

 

L'Austria figura tra i primi 15 paesi delle Nazioni Unite per qualità della vita. Pertanto, gli standard tecnici e i livelli di qualità richiesti sul mercato austriaco sono generalmente alti.

 

Quali sono le modalità di distribuzione?

 
La rete di infrastrutture è eccellente. 

 

L’Austria offre diverse modalità di distribuzione delle merci di provenienza estera, attraverso:

 

  • tradizionali aziende import commerciali;

 

  • importatori all’ingrosso;

 

  • importazione diretta da parte di aziende di commercio al dettaglio;

 

  • centri di acquisto;

 

  • importazione diretta da parte di aziende industriali;

 

  • apertura di proprie sedi distaccate;

 

  • a mezzo agenti/rappresentanti di commercio.

 

 

ALLORA, COSA ASPETTI?

 

  

  • Default
  • Title
  • Date
  • Random

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri. Se vuoi sapere di più o negare il consenso leggi l'informativa.