INTERVISTA AD ALESSIO CAGGIANO - LEM CINA

 

Qual è la curiosità scoperta, legata alla cultura e alle tradizioni della CINA, che l'ha colpito di più?


Nel luglio del 2014, mi sono trasferito in Cina, a Taiyuan, capoluogo della provincia settentrionale dello Shanxi, conosciuta come la città del carbone e del ferro.

 

Gli amanti della cucina devono assolutamente sapere che gli spaghetti e l'aceto dello Shanxi godono di un'alta reputazione in tutto il Paese!

 

Per non parlare di specialità locali, come, ad esempio, i ravioli al vapore, le salsicce, la zuppa di montone, i vini Fen e Zhuye Qing.

 

Comunque, in veste di ingegnere, insieme a moglie e figli, ho deciso di partire all'avventura, approdando in una città da 4 milioni di abitanti: un'esperienza sensazionale che ha dato una svolta alla mia vita.

 

Diciamo che Taiyuan, come altre località cinesi, che ho avuto modo di visitare, non sono proprio ''a misura d'uomo'', come lo è magari Salerno, a cui ero abituato. Quindi, mi ha colpito immediatamente la grandiosità di queste città, ricche di grattacieli, con strade maestose, luci abbaglianti, spazi verdi in ogni dove e parchi attrezzati per trascorrere il tempo libero.

 

Nonostante tutto fosse così differente e gigantesco, ci siamo subito sentiti a casa: le persone del quartiere ci hanno accolto con una gioia indescrivibile, come membri della loro famiglia, aiutandoci a sbrigare pratiche burocratiche, a svolgere la procedura per l'iscrizione a scuola dei bambini, a darci indicazioni sul regolamento del condominio, al pagamento delle bollette. In pratica, ci hanno spontaneamente guidato ad ogni passo: ciò è stato davvero emozionante ed inaspettato.

 

IMG 3593

 

Potrebbe svelarci qualche tecnica di negoziazione che ha funzionato con i suoi interlocutori durante una trattativa? Qual è stato il metodo di approccio più efficace?

 

A Taiyuan, ho instaurato e coltivato vari rapporti, sia di amicizia che commerciali: durano tuttora, sfidando spazio e tempo, senza mai vacillare.
Abbiamo condiviso insieme pasti, chiacchiere, risate, con una voglia reciproca di immergersi nella cultura e nelle tradizioni dell'altro, soprattutto in ambito culinario.

 

È proprio attorno ad una tavola imbandita, scoprendo diversità e punti in comune, che hanno avuto inizio le trattative commerciali.

 

Un atteggiamento di apertura ed una forte empatia, consentono sempre, al di là delle origini, di entrare veramente in sintonia con il proprio interlocutore.

 

 

 

Qual è l'arma di persuasione che spesso l'ha condotto al successo?

 
Io non la definirei un'arma di persuasione vera e propria, ma è fondamentale l'arte di creare un rapporto di fiducia con il partner, specialmente per quel che concerne il mercato cinese: è frutto di continui incontri vis à vis, caffè, cene, partite a calcio, condivisione di idee, passioni ed interessi.

 

IMG 4799

 

Ci suggerirebbe degli strumenti, a suo parere, indispensabili per condurre un'indagine di mercato, relativamente alla Cina?

 

L'indagine di mercato ideale viene effettuata sia online, tramite una verifica di prezzi e prodotti nei più diffusi marketplace, che attraverso verifiche direttamente presso gli store fisici, come, ad esempio, negozi al dettaglio, per una panoramica completa e reale.

 

Come ha vissuto il trasferimento in questo Paese? Ci racconti qualche dettaglio sulla sua esperienza di vita.

 

L'ho vissuta a sentimenti contrapposti: da un lato, il timore dell'ignoto, in un certo senso, con un po' di smarrimento iniziale; al tempo stesso, un grande entusiasmo, che è stato il motore di questa meravigliosa esperienza. Si è trattato, ovviamente, di una scelta consapevole, che ritenevo giusta in quel determinato momento.

 

IMG 1167 

Cosa ti ha spinto a diventare un Local Export Manager?

 

Credo che siano state le circostanze, gli eventi.

 

Nel primo periodo, legato al mio trasferimento, ho lavorato come designer e manager di un ristorante italiano nella città di Taiyuan: è stato il punto di partenza verso il settore dell'Export Management e dell'internazionalizzazione d'impresa.

 

Allora, ho scoperto un'ardente passione ed è nata l'idea di rappresentare i prodotti di eccellenza italiani in un mercato globalizzato.

 

IMG_4605.jpg

 

Qual è il beneficio di stare sul posto, favorendo il processo di internazionalizzazione?

 
Vivere ed operare sul posto è assolutamente essenziale, a mio parere, soprattutto nel mercato cinese, durante la fase inziale di business: ciò consente al cliente di acquisire più facilmente fiducia in te e, automaticamente, nell'azienda che si rappresenta.

 

Inoltre, la figura del Local Export Manager velocizza i tempi di conclusione di un accordo, oltre al fatto di riuscire ad offrire maggiori garanzie al proprio partner.

 

Al di là del settore merceologico, qual è l'atteggiamento comune riscontrato tra i partner locali?

 
Indubbiamente, l'attenzione ed apertura verso i prodotti MADE IN ITALY, molto apprezzati, quindi i partner locali sono già molto predisposti a chiudere un affare.

 

''Metterci la faccia'', sicuramente, agevola la promozione dei prodotti e garantisce l'autentico Made in Italy, dato anche l'alto numero di contraffazioni.

 

IMG_2281.jpg

 

Dia un consiglio spassionato a chi sta per approcciarsi al mercato cinese.

 


Affidarsi a chi è presente nel mercato, a chi vive lì: ciò consente di avere maggiore controllo, di commettere meno errori e di pianificare adeguatamente, in dettaglio, lo sviluppo di un prodotto, tra l'altro, facendo spese mirate per determinati progetti.

 

 

 

 

 

Sei pronto a scoprire il team di SWOT COMPANY?

 

È ora di conoscere più a fondo i LOCAL EXPORT MANAGER ed i Paesi presidiati!

 

Ti sveleranno le tecniche di negoziazione più efficaci durante una trattativa, le armi di persuasione che hanno condotto al successo, gli strumenti indispensabili per un’indagine di mercato, e tanto altro ancora.

 

Tra esperienze vissute ed incredibili curiosità, ti teletrasporteranno nel proprio mondo!

 

Negli occhi, una gran voglia di raccontare, per condividere qualche piccolo segreto.

Nel cuore, un’ardente passione, che li ha spinti a valorizzare il ‘’Made in Italy’’ nel mondo.

 

Quindi, non perdere l'appuntamento con la rubrica settimanale
🕔𝙊𝙍𝘼𝙀𝙓𝙋𝙊𝙍𝙏🌍𝙏𝙍𝘼𝘿𝙄𝙉𝙂 𝙊𝙉 𝙈𝙊𝙑𝙄𝙉𝙂!

 

Ogni giovedì sul tuo schermo!

 

 

  • Default
  • Title
  • Date
  • Random

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri. Se vuoi sapere di più o negare il consenso leggi l'informativa.